"Instabile" as written by Filippo Neviani and Andrea Amati....
Sai, in questa vita tutto sembra breve,
anche i nostri momenti spesi insieme.
Dai camminiamo un po': è tardi sì, lo so,
ma non lo facciamo mai.
Sei la voce che nessuno sa ascoltare,
la luce del lampione in questo viale:
soffusa eppure c'è... ma resta qui con me:
sediamoci se vuoi.

E dimmi come stai e nei tuoi giorni cosa fai;
parlare è facile sotto questa finta luna.
Ed io ti ascolterò e se cadrai ti prenderò:
sei meno fragile dentro questa notte scura.

Sai, a volte penso che tu sia inerme
e tutto il mondo intorno ti sorprende
come questa neve che sta cadendo lieve
ma restiamo ancora dai.

E dimmi come stai e nei tuoi giorni cosa fai;
parlare è facile sotto questa finta luna.
Ed io ti ascolterò e se cadrai ti prenderò:
sei meno fragile dentro questa notte scura.

. . . . . .
Mostrati e vedrai che nel tuo cielo volerai,
apri le ali e poi con un salto vola.

E dimmi come stai e nei tuoi giorni cosa fai;
parlare è facile sotto questa finta luna.
Ed io ti guarderò e se vorrai ti seguirò
se sarai stabile tu non aver paura,
tu non aver paura...
tu non aver paura... no.


Lyrics submitted by moulin.rouge2001

Instabile song meanings
Add your thoughts

No Comments

sort form View by:
  • No Comments

Add your thoughts

Log in now to tell us what you think this song means.

Don’t have an account? Create an account with SongMeanings to post comments, submit lyrics, and more. It’s super easy, we promise!

Back to top
explain