Accesa, spenta, fra i radiogiornali,
l’auricolare perso in tre canali.
Son loro che ci aiutano a non sentirci soli,
ma un uomo li comanda, e lo chiamiamo Ameri.

Grazie Ameri, vai Ameri,
con il coraggio e la paura di sentirti bene.
Ameri in forma, Ameri in sintonia.
Ciotti ti sgrida (parli sempre tu),
e gli altri a dirgli: “Cosa vuoi che sia?”

Grazie Ameri, vai, Ameri;
descrivi in sintesi che cosa avviene a centrocampo.
Sivori al limite dell’area,
buon disimpegno e Cuccureddu va,
ma ecco Albertosi che lo caccia via.

Immagina una rete di pescatori,
una rimessa d’auto e tanti bei rigori
che gli arbitri decretano per falli non di gomma,
e infatti li rilevano: ve n’è una vasta gamma.

Vai Ameri, grazie Ameri;
ci fosse ancora Bortoluzzi in onda come ieri,
ci abbracceremmo e canteremmo in cor
la canzoncina “Buonasera dottor”
che tramandocci quella brava cantante e madre esemplare
Claudia Mori. E Ghezzi Dori,
che un dì cantava il casaciòc destando dissapori.
La gente intorno grida: “Evviva Wess!”
“Due corpi e un’anima” fu il suo success,
ma dopo lo hanno ostacolato perché era un negro.

Non che sia poco bravo Provenzali,
ma per quest’oggi, Ameri, parla tu.


Lyrics submitted by Diego8978

Ameri (Gli amori) song meanings
Add your thoughts

1 Comment

sort form View by:
  • 0
    General CommentThis is a parody of a Toto Cutugno ballad that was also performed by Ray Charles ("Good Love Gone Bad"). Elio's new lyrics turn the song into a tribute to soccer commentator Enrico Ameri.
    Diego8978on March 02, 2005   Link

Add your thoughts

Log in now to tell us what you think this song means.

Don’t have an account? Create an account with SongMeanings to post comments, submit lyrics, and more. It’s super easy, we promise!

Back to top
explain