Là c’è una bandiera che sale; qua
c’è un muratore che cade, ma
questo tragico evento non intaccherà
la fiducia che il mondo ripone nel nostro Paese
ripieno di pizza, canzoni ed amor.
Il mondiale '90 nascerà,
ed il tricolore sicuro, rubizzo e rasierte nel vento garrà.

Ecco, giunge un signore molto simpatico,
mi dice “Lei è veramente simpatico”
ma dai popolari gli sparano e muore,
e un po’ mi spiace per quel signore
per cui mi chiedo dov’è l’amore
che tutti i tifosi dovrebbero avere per gli altri tifosi mondiali
diffusi sul cosmo nel nome del calcio.
Forse è nell’aria che amplifica i sogni dei migliori atleti.

Tu giocatore mondiale vai, non ti preoccupare se non segni.
Su, giocatore mondiale, dai, tira una cannella.
Che bello, giocatore, sarebbe sai 22 palloni in campo.
Ognuno tira nella porta che vuole, e nessuno lo sgrida.

E infine Luca di Montezuma
dal suo elicottero azteco gli incassi devolverà.

Ecco che arriva Bertoli in carrozzella,
il quale afferma “La vita è bella,
perché le cabine son strette ma largo è lo stadio.
Solo alla morte non c’è rimedio”.
E in fondo Bertoli un po’ lo invidio
perché può sfrecciare impennando
dal centro tribuna giù al campo di gioco
e nessuna barriera lo ostacolerà.
Lo stadio esulta e Pierangelo va,
a porta è la grande cabina azzurra dell’amore.

Trama, giocatore, nell’ombra, sai, lo spacciatore di doping.
Prima, giocator te lo dona, sai, dopodiché entri nel tunnel.
Ma il tunnel, giocatore mondiale, sai, non è quello che ti porta in campo
bensì, giocatore mondiale, quello delle iniezioni di marijuana.

Tu, giocatore mondiale, vai, non preoccuparti se non segni.
Su, giocatore mondiale, dai, tira una cannella.
Che bello, giocatore, sarebbe sai 22 palloni in campo.
Ognuno tira nella porta che vuole e nessuno lo sgrida.


Lyrics submitted by Diego8978

Giocatore mondiale song meanings
Add your thoughts

2 Comments

sort form View by:
  • 0
    General CommentThis is an acidicly funny riposte to Giorgio Moroder's official anthem for the 1990 soccer World Cup, held in Italy. In particular, Elio, in duet with the late paraplegic singer-songwriter Pierangelo Bertoli, vents his spleen on the architectural barriers of the stadiums. An English version of the song exists, entitled "World Class Player".
    Diego8978on July 15, 2005   Link
  • 0
    General CommentI must make a correction to my comment above. The architectural barriers were in fact everywhere except inside the stadiums, which were upgraded for the World Cup. Moreover, Bertoli had previously appeared in a TV ad (referenced in the lyrics) where he witnessed a car crash and tried to call for an ambulance but couldn't get into the phone booth.
    Diego8978on February 25, 2007   Link

Add your thoughts

Log in now to tell us what you think this song means.

Don’t have an account? Create an account with SongMeanings to post comments, submit lyrics, and more. It’s super easy, we promise!

Back to top
explain