Una bolognese me la fate fare, eh! E anche questa è una canzone ecologica. Esisteva in quel di San Lazzaro di Savena, vicino a Bologna, una fiera mercato, molti anni fa, di prodotti ortofrutticoli. A quei tempi così belli, felici eccetera non esisteva il denaro e ogni scambio avveniva in natura. E... uno andava là con queste cose, si scambiava e tornava a casa contento, no? La canzone nella fattispecie narra la storia di un giovinetto che va là, con due piccioni da vendere, scambia i due piccioni con la giovinetta con quello che ne segue...

'A san stê a la Fiera di S. Làsaro, oilì, oilà,
'a san stê a la Fiera di S. Làsaro, oilì, oilà,
a' i' ò cumpré du' bêi pisõn, com'èren bêi, com'èren bõn,
a' i' ò cumpré du' bêi pisõn, com'èren bêi, com'èren bõn,

Molto facile. Dice: "Sono stato alla fiera di San Lazzaro oilì oilà, ho comprato due bei piccioni, com’erano belli com’erano buoni!"

La sëlta fôra 'na ragassöla, oilì, oilà,

cioè balza una giovinetta

la sëlta fôra 'na ragassöla, oilì, oilà,
bõn, c'sa vliv per 'sti pisõn?, com'èren bêi, com'èren bõn,
bõn, c'sa vliv per 'sti pisõn?, com'èren bêi, com'èren bõn,

"Cosa volete per i due piccioni?" domanda la ragazza. E il giovine che non sa cosa volere... cioè probabilmente il piccione era merce proibita che non poteva essere scambiata in pubblico, difatti i giovani se la scambiano nascostamente.

'A l'a purté dentr'a una pôrta, oilì, oilà,
la portai dentro a una porta, oilì, oilà.
Sò la stanèla, zò i bragõn, com'èren bêi, com'èren bõn,
sò la stanèla, zò i bragõn, com'èren bêi, com'èren bõn.

Cioè, mi dispiace che voi non abbiate capito, probabilmente: è una danza, una... una danza rituale, fallica, molto antica: "Su la sottana, giù le braghe" dice la canzone... C’è questo bel movimento, così, no: "tac tac". Mentre i giovani sono lì che si scambiano il piccione... compare il terzo incomodo, il voyeur, che poi è una voyeuse: una laida vecchiaccia.

La sëlta fôra 'na bröda v'sciàssa, oilì, oilà,
sëlta fôra 'na bröda v'sciàssa, oilì, oilà,
"Ma c'sa fè du spurcassciõn, com'èren bêi, com'èren bõn,
ma c'sa fè du spurcassciõn, com'èren bêi, com'èren bõn"

Molto meravigliata la vecchia, dice "cosa fanno questi sporcaccioni?". Il giovane sorpreso in questa... [dal pubblico: "propaganda!"] esatto, batte tutti i... cioè... dicevo ultimamamente che a Monaco non è ancora prevista come specialità olimpionica l’arcitura della fessa... Sono tre secondi e due de... zip! È un lampo! Velocissimo. Tre secondi e due decimi. E dice la prima cosa che gli passa per la testa:

"Siamo qui che giochiamo alla merla oilì oilà
siamo qui che giochiamo alla merla oil..."

Ma la vecchia non si fa ingannare da queste co.., la vecchia eh eh, dice: "ragazzo mio, io ai miei eh!". Dice "voi non state giocando alla merla, buffoncelli! Altro gioco..."

Sé, la merla i mi cojon com'èren bi com'èren bon,
sé, la merla i mi cojon com'èren bi com'èren bon!

Questo stacco della lingua mi mi ... "Cojon, sé la merla i mi cojon" vuol dire "Sé, la merla i miei quaglioni". I quaglioni sono delle quaglie... Dice... la vecchia dice "Sì, la merla i miei quaglioni, no? Cioè, sì, ta... quest... Poi la vecchia ricorda, col Leopardi, "Le rimembranze" dicevamo, vero?

"Anca mì, quand'a l'era giuv'nassa, oilì, oilà,"

Quando io ero giovinaccia no?

"anca mì, quand'a l'era giuv'nassa, oilì, oilà
a'n' ò ciapé di bi pzulon, com'èren bêi, com'èren bõn,
a'n' ò ciapé di bi pzulon, com'èren bêi, com'èren bõn."

Cioè ne ho presi dei pezzoloni. Ora, si ignora esattamente cosa sia il pezzolone. Il pezzolone potrebbe essere, vedi tu, un sacerdote di questo culto piccionico che esisteva a San La... Oppure, pare però da alcuni studi più recenti che il pezzolone sia un’antica misura bolognese: esisteva il braccio, la pertica e il pezzolone, che al grosso modo... Però la vecchia nel finale svela il suo laido retroscena; non nel senso buono della parola, cioè... nel discutibile senso buono della parola, trattandosi dei retroscena della vecchia. Però c’è da spiegare cos’è prima il fittone. Chiamasi fittone il normale paracarro, cioè quelle cose così no...?

"E anc'adesso che son' una v'sciàssa, oilì, oilà, e anc'adesso che son' una v'sciàssa, oilì, oilà, 'a' m' la sfrài contr' i fittõn, com'èren bêi, com'èren bõn 'a' m' la sfrài contr' i fittõn, com'èren bêi, com'èren bõn.


Lyrics submitted by killingFloor

La Fiera Di San Lazzaro song meanings
Add your thoughts

No Comments

sort form View by:
  • No Comments

Add your thoughts

Log in now to tell us what you think this song means.

Don’t have an account? Create an account with SongMeanings to post comments, submit lyrics, and more. It’s super easy, we promise!

Back to top
explain